La Borsa...in poche parole - episodio n. 121



Episodio n. 121

In sospensione


Nel vecchio continente, da un pò di tempo, si vive in sospensione, in attesa che accada qualcosa.


Si attendono gli esiti sugli accordi commerciali tra Usa e Cina (mentre la Cina sviluppa da sola un piano commerciale faraonico, il Belt & Road Initiative); si attendevano le parole di Draghi in merito alla concessione di liquidità al sistema bancario ed ora si attendono gli esiti delle votazioni del parlamento inglese sulla Brexit.

Che, tanto per cambiare, sembra sempre più in alto mare, dopo che questa sera è stato bocciato il nuovo piano negoziato dalla premier May con l’Unione Europea.

Domani si voterà per la richiesta di proroga dei termini di uscita.

https://bit.ly/2u0ZhEl


Mercati alla finestra quindi su tutte le piazze europee, mentre in Italia lo spread si tiene sotto i 247 punti.

Nota: da osservare ed approfondire l’evoluzione degli accordi tra Italia e Cina che iniziano a creare attrici con l’America.


Dall’altra parte dell’Atlantico, mentre il settore dei titoli tecnologici prosegue in territorio positivo, il Dow Jones, indice dei titoli industriali, subisce ancora gli effetti negativi derivanti dal disastro aereo che ha coinvolto la Boeing, sebbene contenendo le perdite al 0,30% circa.


Tutto questo mentre l’acerrimo nemico Huawei apre la nuova sede a Milano, rientrante nel progetto di espansione sul territorio europeo, decisamente osteggiato dagli USA.


FLASH

Lo sapevate che gli unicorni esistono?

infatti sono quelle aziende, in fase di lancio (start up), che raggiungono valori superiori al miliardo di dollari.

In questo link potete trovare un elenco di queste aziende che rientrano nei settori più disparati, con idee importanti per la ricerca, la sicurezza e la qualità della vita.

Un investimento per portare il futuro proprio qui ed ora.

https://read.bi/2F7aXLY

0 visualizzazioni

Cell. 340 3744371 - fazzini.consulenza@gmail.com