La Borsa...in poche parole - Il Podcast


Episodio #146

Beh, Tuttavia Piacciono

Sembra proprio che la Fed in congelatore e la BCE che intende procedere ad immettere nuova liquidità, abbia portato gli investitori istituzionali, in testa i fondi, a spostare nuovamente l’attenzione sui titoli obbligazionari del nostro Paese.

Attenzione legata anche al rientro dell’allarme “rischio Italia” e alla riduzione della conseguente volatilità.

Prudenza a farsi prendere dall’entusiasmo: questo è comunque il messaggio di diversi gestori in merito a questo ritorno di fiamma verso i titoli di stato italiani.

Cosa ha mosso i mercati di oggi?

Potremmo partire dalla ripresa del settore hi tech dopo la pace tra la Apple e la Qualcomm su di una questione spinosa dei chip legati alla tecnologia 5G, per poi passare attraverso la turbolenta stagione delle trimestrali americane, di fatto il vero centro di attenzione sul mercato a stelle e strisce, dove è ancora il settore bancario il protagonista indiscusso.

Tra i dati macroeconomici gli analisti valutano positivamente la crescita dell’export (tanto per allontanare un pò le preoccupazioni legate al rallentamento dell’economia globale).

Le Borse: Europa positiva ed America piatta.

E la Cina? è da un pò che non se ne parla, e intanto il PIL è cresciuto al 6,4%. Ancora latitante un accordo definitivo con l’America.

Uno sguardo sulla Brexit per parlare di un effetto inaspettato: l’incertezza e la scarsa visibilità della rotta che questa uscita dovrebbe seguire sta spingendo l’export italiano in territorio inglese.

L’effetto panico sta spingendo molte aziende a fare scorta di prodotti del nostro paese nell’attesa di capire l’effetto brexit sui costi di approvvigionamento.

1 visualizzazione
  • Facebook Icona sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • YouTube Icona sociale

Cell. 340 3744371 - fazzini.consulenza@gmail.com