Soldi e famiglia: 3 consigli per restare tutti sulla stessa barca



All’interno della coppia, il periodico confronto sulla gestione finanziaria è un modo sano ed efficace per mantenere sotto controllo le spese e soprattutto per mantenere un positivo clima di condivisione di obiettivi ed esigenze.


Ma quando discutere sui soldi diventa la norma, una vera lotta quotidiana, ecco che quello che potrebbe diventare un punto di incontro, si trasforma in motivo di scontro.


Un scontro verbale, che può assumere i contorni del film La guerra dei Roses, con assemblea dei vicini che si ascoltano i fatti tuoi, oppure potrebbe rimanere in forma di tensione, sottotraccia e strisciante, altrettanto pericolosa nei rapporti di coppia.


I motivi di discussione possono essere diversi: una visione diversa del denaro e del modo di gestirlo, priorità diverse, utilizzi tenuti nascosti da un partner, spese improvvise.


Anche entrate impreviste, ottenute da uno dei due partner - come eredità o premi inaspettati - quando arrivano in una situazione già precaria, possono compromettere ulteriormente un fragile equilibrio.


Inutile, ma non troppo, ricordare che tutto ciò non fa che minare ulteriormente la fiducia reciproca, la pace familiare e la comunicazione nella coppia.


Attribuisco una grande importanza alla gestione delle finanze individuali, alla definizione di propri obiettivi ed alla strategia per raggiungerli.


Stessa cosa la penso per la gestione delle finanze famigliari: obiettivi e strategie comuni che non annullano anzi, dovrebbero valorizzare, quelle individuali che andranno sempre coltivate.


Ma per stare davvero sulla stessa barca occorrono alcuni accorgimenti.


  1. Fate spazio ad un conto corrente comune.


Quello è il contenitore condiviso sul quale confluiscono le spese legate alla famiglia.

Ciascuno, con le proprie possibilità, ma con una equa ripartizione della contribuzione, dovrà partecipare alla creazione del “fondo cassa”.


2. Fissate la data per gli “incontri sul budget”.


Al lavoro già ora fai una quantità infinita di riunioni ed incontri più o meno inutili.

Posso garantirti che quello che farai con il tuo partner per fissare gli obiettivi di spesa futura e per concordare la ripartizione di quella passata, è un momento davvero utile e prezioso.


Sia chiaro: se non ci sei abituato occorre un periodo di rodaggio e di assestamento. Come dico sempre, la perseveranza ti porterà a grandi risultati.


3. Programmate un obiettivo comune da raggiungere.


Questo consiglio rappresenta un potente strumento di unificazione degli sforzi.


Una meritata vacanza, una casa più grande, un aiuto ai figli per avviare una loro attività, sono solo degli esempi di obiettivo comune: risparmiare ed investire per qualcosa da condividere aiuta a consolidare i legami ed a remare nella stessa direzione.


Inutile nascondersi dietro ad un dito: i problemi legati al denaro sono, oggi più che mai, un ostacolo in grado di mettere a dura prova l’unità della coppia.

Quando questo ostacolo è rappresentato, principalmente, da una incomprensione di fondo sul ruolo che ciascuno dei due attribuisce ai soldi, sono convinto che questi tre consigli potranno aiutarti a definire una base di confronto decisamente più stabile e costruttiva.


Come hai visto, anche per pianificare il risparmio familiare occorre un metodo; un metodo che io ho sviluppato nei tanti anni di lavoro su questi argomenti.


Per conoscere un pò meglio il mio modo di intendere la pianificazione finanziaria, personale e familiare, posso consigliarti di vedere questo mio video: https://www.fazziniconsulenza.com/post/ricetta-per-il-risparmio-video


Per approfondimenti e contatti, scrivimi una email a fazzini.consulenza@gmail.com. Oppure inviami un messaggio Whatsapp al numero 3403744371.



3 visualizzazioni

Cell. 340 3744371 - fazzini.consulenza@gmail.com